PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL’EDUCAZIONE

Psicologia dello sviluppo e dell’educazione

La psicologia dello sviluppo è una disciplina scientifica che studia il comportamento ed i suoi determinanti, interni ed esterni, e lo sviluppo degli individui nel corso delle varie fasi di vita e più in particolare si occupa di analizzarne i cambiamenti e le relative cause.
Prende in considerazione tutte le tappe che caratterizzano la vita di un individuo: infanzia, preadolescenza, adolescenza, età adulta, età anziana e può quindi essere anche definita ‘psicologia del ciclo di vita’ .

ciclo di vita

Si differenzia dalla psicologia dell’età evolutiva che limita il proprio campo di studi ai processi di sviluppo ed organizzazione dell’individuo dalla nascita fino a circa venticinqueanni.

La psicologia dello sviluppo si fonda, dal punto di vista metodologico, sulla osservazione sistematica, estesa all’ambiente familiare e sociale, sull’applicazione di test e sull’esperimento vero e proprio.

Per sviluppo si intende il processo attraverso il quale un organismo acquista la capacità di affrontare con sempre maggiore successo il proprio ambiente, modificando e differenziandosi nelle strutture, nelle funzioni e nei comportamenti, grazie alla maturazione biologica ed all’influenza che gli stimoli esterni hanno su di esso.

Allo sviluppo si contrappongono cambiamenti decrementali come il deterioramento, la perdita, il declino e la regressione.

Lo sviluppo dipende, sia da fattori biologici , quali il patrimonio genetico, che da fattori ambientali e viene analizzato a vari livelli:

  • Sviluppo fisico e motorio: cambiamenti sia interni che esterni legati al corpo.
  • Sviluppo percettivo: elaborazione degli stimoli sensoriali.
  • Sviluppo cognitivo: evoluzione del linguaggio, del pensiero, dell’intelligenza, della memoria.
  • Sviluppo del linguaggio e della comunicazione.
  • Sviluppo sociale: capacità di instaurare rapporti interpersonali e di creare rapporti di amicizia.
  • Sviluppo emotivo e relazioni affettive: capacità di instaurare legami affettivi.

Fasi di sviluppo

1. Fase prenatale (concepimento – nascita) caratterizzata dalla vita in simbiosi con la madre;

2. Fase della infanzia: (nascita – due anni) – prima autonomia, controllo sfinterico, capacità percettive e motorie, deambulazione, sviluppo del linguaggio, prima attività interattiva;

3. Fase della prima fanciullezza: (due – sette anni) Periodo preoperatorio -conquiste dal punto di vista psicomotorio, verbale rappresentativo, sviluppo del ragionamento, della fantasia e del senso di realtà;

4. Fase della seconda fanciullezza: (sette – undici anni) Periodo operatorio consolidamento delle abilità motorie, ragionamento logico, socializzazione, sentimento morale, solidarietà e collaborazione;

5. Fase della preadolescenza: (undici – quattordici anni) Periodo operatorio formale – accelerazione della crescita fisica, maturazione puberale, ricerca di identità, relazioni con i pari, difficoltà nell’impegno nello studio;

6. Fase dell’adolescenza: (quattordici – diciotto anni) caratterizzata da pensiero ipotetico – deduttivo e da una visione del mondo adulto portatore di emozioni anche negative;

7. Fase della gioventù e della maturità (diciotto – trenta anni; dai trenta anni in poi) strutturazione definitiva della personalità, inserimento nel mondo sociale e professionale

8. Fase della vecchiaia (o terza età): decremento delle funzioni psichiche e motorie, problemi di isolamento socio – affettivo, decadimento senile.

Lo sviluppo interessa l’individuo a vari livelli:

  • Sviluppo fisico e motorio: cambiamenti sia interni che esterni legati al corpo.
  • Sviluppo percettivo: elaborazione degli stimoli sensoriali.
  • Sviluppo cognitivo: evoluzione del linguaggio, del pensiero, dell’intelligenza, della memoria.
  • Sviluppo del linguaggio e della comunicazione.
  • Sviluppo sociale: capacità di instaurare rapporti interpersonali e di creare rapporti di amicizia.
  • Sviluppo emotivo e relazioni affettive: capacità di instaurare legami affettivi.

La psicologia dello sviluppo mira a rispondere a tre domande fondamentali: quando, come e perché i fattori biologici e ambientali influiscono sullo sviluppo dell’essere umano?

Quando? Ogni individuo, dalla nascita al periodo adolescenziale, attraversa tappe di sviluppo ben precise; alcuni passaggi seguono un percorso comune, uguale per tutti. L’obiettivo della psicologia dello sviluppo è individuare per ogni competenza l’arco temporale entro il quale si sviluppa.

Come? Il processo che accompagna ogni singola competenza scaturisce da una serie di dinamiche e meccanismi che differiscono da individuo a individuo per ritmo e stile. La differenza per ritmo è legata ai diversi periodi di apprendimento per una medesima abilità. La differenza per stile riguarda la tipologia di ‘informazione appresa; ad esempio qualcuno apprenderà prima la sintassi mentre qualcun altro svilupperà più velocemente la capacità di utilizzare i vocaboli. Compito della psicologia dello sviluppo è comprendere in quale misura le differenze siano causate dall’ambiente esterno e in quale misura siano invece provocate da una predisposizione naturale.

Perché? I processi che innescano lo sviluppo delle competenze dipendono dalla combinazione di fattori genetici e fattori ambientali. In tal senso la disciplina approfondisce le differenze tra le cause ambientali da quelle genetiche.

.

Psicologia dell’educazione

La Psicologia dell’Educazione, nata agli inizi del XX secolo, ha come oggetto di indagine i processi dell’apprendimento, della motivazione, dell’insegnamento, della valutazione nei contesti educativi e della progettazione di interventi in quest’ambito.

psicologia dell'educazione

Si occupa di individuare quei fattori legati all’ambiente di apprendimento che rendono più o meno facile l’apprendimento, la motivazione, il benessere dell’individuo o del gruppo impegnato nel processo educativo e dei quali le istituzioni educative devono tener conto nella stesura del progetto educativo.

La psicologia dell’educazione è interessata quindi a come l’istruzione , anche non strettamente scolastica, può migliorare il comportamento, le conoscenze e abilità, il modo di pensare e gli atteggiamenti dell’individuo.

Storicamente il ruolo dello psicologo dell’educazione è stato limitato ai soli interventi di inclusione per soggetti con bisogni educativi speciali; oggi però è possibile elencare anche attività di consulenza, valutazione, intervento, ricerca e formazione per singoli individui o gruppi attinenti a un contesto educativo.

.

.

.

1. PSICOLOGIA IN EVIDENZA PREVENZIONE PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL'EDUCAZIONE

LIFE SKILLS

Il termine life skills viene internazionalmente utilizzato per indicare le competenze psicosociali che consistono nella capacità di affrontare efficacemente le esigenze e i cambiamenti della vita quotidiana. Secondo la OMS le competenze psicosociali giocano un ruolo importante nella promozione della salute, intesa nel senso più pieno di benessere biopsi..
Read more
Per saperne di più