Sviluppata un’intelligenza artificiale in grado di predire quali giocatori siano a rischio di sviluppare una dipendenza dal gioco d’azzardo.

  4. DIPENDENZE, 6. NEWS, BLOG
Ludopatia Gambling

Una azienda avrebbe sviluppato uno strumento in grado di predire quali giocatori siano a rischio di sviluppare una dipendenza dal gioco d’azzardo, consentendo di intervenire prima che i sintomi diventino troppo gravi.

L’IA in questione, sviluppato da un’azienda chiamata Mindway AI, è già utilizzata, in fase di testing, da alcuni importanti colossi del gioco d’azzardo online.

L’intelligenza artificiale della Mindway monitora 14 diversi fattori di rischio. Non solo i soldi e il tempo spesi al gioco, ma anche il numero di bonifici cancellati, oppure il cambio nelle abitudini del giocatore: in genere se una persona gioca normalmente solo alla sera, ma poi inizia a giocare anche in pausa pranzo e poi, ancora, si connette nuovamente per giocare a poker o alle slot di mattina, beh, inizia ad esserci un enorme problema.

Il sofware della Mindway AI attribuisce ad ogni fattore un punteggio che va da 0 a 100 e sulla pase di questi punteggi assegna ad ogni giocatore un fattore di rischio. Il modello alla base dell’IA viene costantemente aggiornato in modo da ottenere risultati sempre più precisi.

A seconda del punteggio interviene poi un sistema a semaforo: luce verde, il giocatore è in perfetta salute; luce gialla, il giocatore non è ancora dipendente ma è sulla cattiva strada; luce rossa, il giocatore soffre già di ludopatia ed è dipendente dal gioco.

Leggi tutto l’articolo su Leganerd