Tossicodipendenze e riduzione del danno. ONU: gli Usa riconoscono importanza

Durante la sessione plenaria della 64ma Commissione sulle Droghe Narcotiche (CND) dell’UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) il rappresentante del governo americano si è così espresso:

“Negli Stati Uniti stiamo affrontando livelli di overdose senza precedenti. Il 1 aprile abbiamo reso pubblico il piano del presidente Biden per affrontare l’epidemia di morti da overdose, che prevederà soluzioni moderne come l’espansione dell’accesso ai servizi di cura basati sulle evidenza scientifiche e ai servizi di riduzione del danno”

Una dichiarazione dalla portata storica perché riconosce la centralità delle politiche umanitarie e di riduzione del danno nei confronti degli utilizzatori di sostanze, lanciando un messaggio al mondo di incoraggiamento verso quel cambio di passo auspicato dalle tante realtà nel mondo, come la Fondazione Villa Maraini che vi basano la propria azione già da decine di anni.

Proprio sull’opportunità della riduzione del danno, lo scorso anno è stato presentato all’ONU il manifesto “Rome Consensus 2.0” che, al momento, ha visto l’adesione di 204 organizzazioni in 115 Paesi.
In diversi Paesi Ue (non l’Italia), la riduzione del danno, grazie anche alle narcosale, è in vigore da tempo e sono state salvate molte vite di tossicodipendenti.

https://www.aduc.it/…/tossicodipendenze+riduzione+danno+onu…
#aduc #droghe #salute #antiproibizionismo

#Tossicodipendenze e riduzione del danno. ONU: gli Usa riconoscono importanza

Durante la sessione plenaria della 64ma…

Pubblicato da ADUC su Giovedì 15 aprile 2021