L’industria del tabacco con lo svapo diversifica l’offerta, e grazie ai procrastinatori cronici accresce i sui profitti

Le sigarette elettroniche (e-cig) e le sigarette a tabacco riscaldato (IQOS, GLO) sono spesso propagandate come ausili per la cessazione del fumo di tabacco. Tuttavia, i dati sulla loro sicurezza sono ancora scarsi e gli studi sull’efficacia, oltre ad essere insufficienti, non evidenziano attualmente alcun aumento significativo dei livelli di cessazione del fumo (1).Spesso questi nuovi dispositivi vengono pubblicizzati come un’alternativa “salutare” al fumo di sigaretta tradizionale…ma sicuramente non lo sono!

Il vapore di sigaretta elettronica (e-cig) non è acqua, ma contiene delle nanoparticelle di metalli pesanti (cadmio, piombo, etc.) implicate nella formazione di specie reattive dell’ossigeno (radicali liberi) che possono causare rotture di singolo filamento nel DNA e mutagenesi, composti carbonilici tossici (formaldeide, acetaldeide, etc.), composti organici volatici e nitrosamine specifiche del tabacco (2).Per quanto riguarda i prodotti a tabacco riscaldato, gli studi attuali sono ancora limitati essendo dei prodotti ancora più recenti rispetto alle e-cig, e comunque è accertata la loro emissione di catrame, carbonili, composti organici volatili, monossido di carbonio, radicali liberi o nitrosamine sebbene in concentrazioni significativamente più basse rispetto alle sigarette a combustione (3).


La IQOS (prodotta da Philip Morris International) è la sigaretta a tabacco riscaldato più diffusa in Italia, il suo nome deriva dall’accattivante acronimo “I Quit Ordinary Smoking” che sta appunto per “Io smetto di fumare il tabacco tradizionale”.La GLO (prodotta da British American Tobacco) è una sigaretta a tabacco riscaldato il cui nome è un’abbreviazione della parola inglese GLOW che indica il bagliore, la luce emessa da qualcosa di riscaldato senza bruciare e ha anche un’accezione positiva perché si attribuisce ad una persona brillante.


A parte le strategie pubblicitarie che si trovano dietro la denominazione dei suddetti dispositivi, appaiono discutibili le recenti ripetute partecipazioni dell’industria del tabacco come sponsor in congressi medici, convegni ed eventi riguardanti la salute. La presenza dell’industria del tabacco ovviamente viene segnalata in termini di supporto/contributo “non condizionante”, ma è evidente che il reale scopo è quello di ottenere credibilità scientifica e spingere sul mercato i loro prodotti del tabacco.L’introduzione dei prodotti a tabacco riscaldato (IQOS), infatti, rappresenta l’ennesima strategia dell’industria del tabacco volta a rallentare la lotta al tabagismo e utilizza il concetto di “riduzione del danno” come stratagemma per accedere al tavolo dei decisori politici in tema di salute influenzando la legislazione e la regolamentazione dei prodotti del tabacco.


Lo svapo in realtà oltre a rappresentare un mezzo per mantenere la dipendenza nicotinica nei fumatori duali che utilizzano lo svapo quando la sigaretta tradizionale non è consentita (specie nei meno giovani), può rappresentare un mezzo per iniziare a fumare (specie nei più giovani). In effetti, la maggioranza dei consumatori di sigarette elettroniche sono i giovani e i fumatori duali (2).

È vero che ci sono persone che grazie allo svapo hanno progressivamente eliminato la loro dipendenza dal tabacco, così come ci sono persone per cui lo svapo rappresenta la soluzione ideale per fumare senza limitazioni ovunque con il rischio di assumere un’elevata quantità di nicotina senza rendersene conto. Peraltro, sono numerosi i fumatori che considerano lo svapo un insoddisfacente surrogato della sigaretta.Dunque, il concetto di riduzione del danno con l’introduzione della sigaretta elettronica è in realtà vanificato dal fatto che la maggior parte dei tabagisti che svapano sono dei tabacco-dipendenti duali perché fumano anche la sigaretta tradizionale. Inoltre, c’è evidenza che il rischio di ritornare dallo svapo all’uso unico di sigaretta tradizionale è mediamente di circa il 67% (2).


Un concreto proposito di riduzione del danno, dovrebbe essere quello dalla sostituzione dei prodotti “a danno elevato” con quelli “a danno minore”, invece essendovi interessi prettamente economici è stata semplicemente ampliata la gamma dei prodotti del tabacco, rendendo disponibili oltre ai prodotti del tabacco notoriamente dannosi (sigarette, sigaretti, sigari) anche dispositivi a potenziale danno ridotto (svapo).

D’altra parte, promuovere i prodotti a tabacco riscaldato come prodotti a tossicità ridotta, porta a percepire lo svapo come “rischio accettabile”; tuttavia i concetti di rischio accettabile e di riduzione del danno non hanno un valore assoluto, ma dovrebbero essere inquadrati in un arco temporale circoscritto. Purtroppo il disturbo da uso di tabacco è caratterizzato da una miopia temporale che sostiene la condizione tipica del tabagista ovvero quella di procrastinatore cronico con la conseguenza che qualsivoglia seppur minimo rischio diventi largamente inaccettabile.


1. Patil S, Arakeri G, Patil S, Ali Baeshen H, Raj T, Sarode SC, Sarode GS, Awan KH, Gomez R, Brennan PA: Are electronic nicotine delivery systems (ENDs) helping cigarette smokers quit? – A current evidence. J Oral Pathol Med. 2019 Oct 23.2. Worku D, Worku E: A narrative review evaluating the safety and efficacy of e-cigarettes as a newly marketed smoking cessation tool. SAGE Open Med. 2019 Aug 18;7:2050312119871405.3. Salman R, Talih S, El-Hage R, Haddad C, Karaoghlanian N, El-Hellani A, Saliba NA, Shihadeh A: Free-Base and Total Nicotine, Reactive Oxygen Species, and Carbonyl Emissions From IQOS, a Heated Tobacco Product. Nicotine Tob Res. 2019 Aug 19;21(9):1285-1288.

autore Guglielmo Lauro

CAF_QUIT

LEAVE A COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.